content= Veronesi LN: Lega contraria a nuove costruzioni su aree verdi: sì a recupero territorio urbanizzato   Lega Nord Padania Saronno  ambiente
HOME
Lega Nord - Lega Lombarda per l'Indipendenza della Padania  

LEGA NORD PADANIA
Saronno

 

Comuni & Sezioni

Saronn
Caronn Pertusella
Ubold
Links Altre Sezioni
RSS Feed

                 

Lega Nord Padania

Lega Nord
Giovani Padani
Lega Lombarda
Padania Office
Sindacato Padano
Sport Padania
Parlamento del Nord
Lega in Parlamento

                 

Informazione

la Padania
Il Federalismo
Qui Lega
Lega Nord Flash
Stampa Lega Nord
Radio Padania Libera
Telepadania

                 

Cerca Articoli a cura delle Sezioni


Ricerca degli Articoli per parole chiave
Se non trovi, clicca qui

                 

Dazi contro la Cina

                 

Edicola

Archivio 2002-2008
Archivio 1997-2001
Ascolta RPL
Foto
Musica
Download

                 

NO Turchia in UE

Approfondimenti sul NO all'ingresso della Turchia in Europa

                 

Contatti

Segreteria provinciale
Links

                 
 
    Saronno, ambiente

 
  Stampa questa pagina    Condividi:

Veronesi LN: Lega contraria a nuove costruzioni su aree verdi: sì a recupero territorio urbanizzato


Angelo Veronesi, Lega Nord per l´Indipendenza della Padania di Sarònn

La memoria non mi aiuta a ricordare a quale partito o lista civica l'allora sindaco ed oggi consigliere comunale Pierluigi Gilli appartenesse quando la sua amministrazione approvò il progetto di trasformazione di una delle poche aree verdi rimaste in Cassina Colombara.

Non si può certo dare la colpa a Scelta Civica, o meglio ad Unione Italiana, per le scelte amministrative dell'allora amministrazione GIlli. Non è però sufficiente cambiare bandieruola per dimenticare quanto è accaduto in passato.

La Lega era e rimane fortemente contraria alle nuove costruzioni su terreno verde. Da sempre preferiamo che venga recuperato il territorio già urbanizzato, senza sprecare ulteriormente il poco territorio verde rimasto.

Siamo però convinti che non si possano cambiare le carte in tavola in modo arbitrario.
Mettiamoci nei panni di un privato che rispetta tutte le regole scritte dal Comune. Arrivato in fondo alla procedura amministrativa che ha richiesto tempo e denari, come sarebbe stato possibile che il privato si trovasse davanti ad un cambio di regole addirittura retroattivo?
Non si possono cambiare le carte in tavola ad un'iniziativa privata che ha rispettato le regole imposte dalle passate amministrazioni.

Il consiglio comunale decide le regole scritte nero su bianco che devono essere chiare e valere per tutti. Non si possono cambiare i regolamenti retroattivamente. La dirigenza del Comune vigila poi sul fatto che le regole vengano applicate in modo equo e giusto senza fare distinzioni arbitrarie tra cittadini.

Facciamo la cronistoria. Il piano di Cassina Colombara era stato approvato dall'Amministrazione Gilli. La variante urbanistica di cui si è trattato nello scorso Consiglio Comunale era stata approvata sotto la guida del PD. Nessuno ha presentato osservazioni nei tempi stabiliti dalla Legge relativamente a suddetta variante.

Il consigliere Pierluigi Gilli dovrebbe spiegare a tutti i cittadini come avrebbe potuto il Consiglio Comunale ribaltare una decisione già presa in passato e porsi in contrasto a regolamenti e a convenzioni già stipulate. La scelta avrebbe potuto essere interpretata come una decisione arbitraria e addirittura retroattiva.

Nessuno di noi è abituato a prevaricare il privato anteponendo scelte arbitrarie alle regole scritte.

Il consiglio comunale non si è espresso nel merito del piano, che non abbiamo certo approvato noi leghisti. Il consiglio si è espresso invece sulla mancanza di osservazioni da parte dei cittadini ad una variante del piano che era stata permessa dalla passata amministrazione. Nessuno ha presentato osservazioni, per cui -a termini di legge- non si poteva fare altro che approvare la variante, altrimenti -ribadisco ancora - sarebbe stata una prevaricazione arbitraria del Comune contro il privato, scelta che non fa certo parte del nostro pedigree politico.

Il consiglio comunale, sebbene sia cambiato l'orientamento politico ed amministrativo, non può cambiare le carte in tavola che oramai sono state disposte da altri. E' una giusta tutela della Legge nei confronti di un'iniziativa privata, che non può essere in balia dei cambi di amministrazione o delle bandieruole.
  
Inserito da Veronesi per la Sezione
 

in data 7/11/2015, 8:54

Modifica questo articolo  

 

Focus


RSS Feed


                 

Aderisci


ADERISCI ALLA LEGA Aderisci alla Lega Nord
ADERISCI AI GIOVANI PADANI

Aderisci ai Giovani Padani

                 

Propaganda


                 

Segreteria Provinciale LN Padania di Varese

Segreteria provinciale Lega
Archivio Comunicati Stampa Provinciali fino al 2007
Archivio articoli 2002-2008
(vecchio sito)

Archivio 1997-2001

                 

Enti Locali

Enti Locali Padani Provinciali
Richiedi Password

PadaniaOffice, supporto x consiglieri comunali

                 

Foto



Ricomincia

                 

Operatori

Inserisci/Cancella

GREEN RIBBON FOR PADANIA

                 

MGP

GIOVANI PADANI

                 

Lega Nord per l'Indipendenza della Padania Provincia di Varese, v.le Magenta 5 - tel 0332.24.27.29 fax: 0332.23.13.75
PADANIA FREEDOM CAMPAIGN
MADE IN PADANIA

Segreteria Provinciale LN Varesotta

Master Sitee: Angiol Verones, Grafega: A. Bariatt

HOME Segreteria Provinciale Lega Nord Padania