content= Patrocinio: il Comune non fa distinzioni di colore politico e non può sostituirsi a un tribunale   Lega Nord Padania Saronno  sport
HOME
Lega Nord - Lega Lombarda per l'Indipendenza della Padania  

LEGA NORD PADANIA
Saronno

 

Comuni & Sezioni

Saronn
Caronn Pertusella
Ubold
Links Altre Sezioni
RSS Feed

                 

Lega Nord Padania

Lega Nord
Giovani Padani
Lega Lombarda
Padania Office
Sindacato Padano
Sport Padania
Parlamento del Nord
Lega in Parlamento

                 

Informazione

la Padania
Il Federalismo
Qui Lega
Lega Nord Flash
Stampa Lega Nord
Radio Padania Libera
Telepadania

                 

Cerca Articoli a cura delle Sezioni


Ricerca degli Articoli per parole chiave
Se non trovi, clicca qui

                 

Dazi contro la Cina

                 

Edicola

Archivio 2002-2008
Archivio 1997-2001
Ascolta RPL
Foto
Musica
Download

                 

NO Turchia in UE

Approfondimenti sul NO all'ingresso della Turchia in Europa

                 

Contatti

Segreteria provinciale
Links

                 
 
    Saronno, sport

 
  Stampa questa pagina    Condividi:

Patrocinio: il Comune non fa distinzioni di colore politico e non può sostituirsi a un tribunale


Angelo Veronesi, Lega Nord per l´Indipendenza della Padania di Sarònn

L'attività amministrativa del Comune non si può basare su scelte politiche di parte, perchè seguiamo il principio costituzionale della Libertà di opinione. Il Comune non può sostituirsi all'autorità giudiziaria per dichiarare senza un processo che un'associazione sportiva sia colpevole addirittura di rifondare il partito nazionale fascista.

Il Comune non è asservito a un'ideologia di Partito, come altri sono abituati a fare. Il Comune non favorisce nè le associazioni di sinsitra nè quelle di destra.
L'amministrazione comunale ha scelto di conferire il patrocinio a tutte le associazioni registrate che rispettino la Legge e senza giudicarne il colore politico, nel pieno rispetto del dettame costituzionale e repubblicano.

A dimostrazione del fatto che il Comune non fa distinzioni, anche l'ANPI saronnese ha ricevuto il patrocinio del Comune di Saronno, sebbene più volte alcuni membri della stessa abbiano preso posizione contro la Lega Nord in maniera ingiusta ed ingiustificata. Non usiamo il Comune per ripicche di partito, come invece altri ci avevano abituato a fare negli ultimi anni.

Chi chiede di togliere il patrocinio del Comune ad un'associazione regolarmente registrata al CONI sta chiedendo al Comune di sostituire l'autorità giudiziaria. La Costituzione enuncia tra i propri valori la divisione dei poteri: legislativo, esecutivo e giudiziario.
Il Comune non può sostituirsi nei compiti dell'autorità giudiziaria dichiarando senza alcun processo e senza alcuna possibilità di replica, che un'associazione sportiva che risulta regolarmente iscritta al Comitato Olimpico Nazionale Italiano, possa essere addirittura additata come un'associazione tendente alla ricostituzione del partito nazionale fascista.
Se qualcuno nutre dubbi sugli affiliati o sugli scopi di questa associazione sportiva ed ha prove fondate in merito, è invitato caldamente e senza aspettare oltre a rivolgersi all'autorità giudiziaria per fare chiarezza. Il Comune non fa processi sommari.

Sulle accuse di collusione, a mio parere è colluso chi sostiene di difendere la Costituzione, ma sta zitto quando da Roma vogliono cancellare una parte della Repubblica eliminando Province e Regioni. La Costituzione mette sullo stesso piano Stato, Regioni, Province, Città Metropolitane e Comuni dichiarando che costituiscono la Repubblica. La Costituzione dice che se uno dei soggetti di cui sopra attenta all'integrità degli altri è un attentato alla Repubblica. Non bisogna stare zitti quando l'integrità della Repubblica viene minata, quando le Province sono state sostituite con Enti di secondo livello che non vengono nemmeno più eletti dal popolo, quando esponenti del Governo che non sono stati eletti dal popolo dichiarano addirittura di essere contrari alle Regioni. Ma va tutto bene se gli attentati contro la Repubblica vengono da sinistra?

Sono passati 70 anni dalla fine della guerra, ma non c'è ancora pace tra gli opposti estremismi di destra e di sinistra. Questa guerra intestina tra opposte ideologie dilania le nostre comunità locali facendo litigare le famiglie tra loro, i genitori contro i figli e viceversa. Non ci può essere pace, né progresso, né benessere fintanto che le nostre comunità sono divise al proprio interno e gli interessi ideologici di partito prevalgono sul benessere della comunità locale.

La Lega Nord vuole ristabilire quella Pace Sociale che nel nostro paese manca da sempre. Libertà e divisione dei poteri, affinchè nessuno prevalga sull'altro e la Repubblica venga conservata.

Bisogna riprendere le parole della Carta di Chivasso del 1943, che da sempre mi ispirano, dove autonomisti padano alpini della vera Resistenza del calibro di Emile Chanoux scrivevano convinti che il Federalismo fosse necessario per scongiurare un'altra dittatura. La tirannia aveva infatti trovato nel sistema centralista del Regno italiano, la base su cui fondarsi e prosperare. Oggi è necessario riprendere queste parole per consolidare la nostra democrazia e completare il Principio Repubblicano dell'uguaglianza dei cittadini e della divisione dei tre poteri (esecutivo, legislativo e giudiziario tra Governo, Parlamento e Magistratura), con il Principio Federalista per una ulteriore divisione del potere tra il centro e le diverse comunità locali.
Finché il potere sarà nelle sole mani dello Stato centrale, le libertà dei cittadini saranno sempre a rischio. Finché tutto verrà deciso da Roma, i cittadini saranno sempre e solo sudditi in balia dei partiti e delle ideologie.
Finché il potere non verrà restituito alle nostre Comunità Locali, più facilmente controllabili dai cittadini, non si potrà avere una vera democrazia. La democrazia esiste solo quando i cittadini hanno cognizione di causa dei problemi che li coinvolgono direttamente e hanno la libertà e la capacità di scegliere con responsabilità del proprio futuro e di quello dei propri figli.
Finché le scelte dei cittadini non potranno riguardare il dato concreto, comunale e locale, la politica si ridurrà a una sterile disputa tra opposti schieramenti, così come avviene tra due squadre avversarie su un campo di calcio.

Sono convinto che sia necessario il Federalismo per rifondare quel Patto Sociale, ovvero quell'Alleanza per il Bene Comune che sempre dovrebbe esserci tra le varie comunità locali, le famiglie, gli individui, le culture, le lingue, le religioni e le etnie. In una parola la Lega Nord vuole il Federalismo, parola che deriva dal latino “foedus” (patto) e che porta in sé l'unica vera idea che può essere base di partenza per riformare il paese nella pace.
  
Inserito da Veronesi per la Sezione
 

in data 18/10/2015, 11:16

Modifica questo articolo  

 

Focus


RSS Feed


                 

Aderisci


ADERISCI ALLA LEGA Aderisci alla Lega Nord
ADERISCI AI GIOVANI PADANI

Aderisci ai Giovani Padani

                 

Propaganda


                 

Segreteria Provinciale LN Padania di Varese

Segreteria provinciale Lega
Archivio Comunicati Stampa Provinciali fino al 2007
Archivio articoli 2002-2008
(vecchio sito)

Archivio 1997-2001

                 

Enti Locali

Enti Locali Padani Provinciali
Richiedi Password

PadaniaOffice, supporto x consiglieri comunali

                 

Foto



Ricomincia

                 

Operatori

Inserisci/Cancella

GREEN RIBBON FOR PADANIA

                 

MGP

GIOVANI PADANI

                 

Lega Nord per l'Indipendenza della Padania Provincia di Varese, v.le Magenta 5 - tel 0332.24.27.29 fax: 0332.23.13.75
PADANIA FREEDOM CAMPAIGN
MADE IN PADANIA

Segreteria Provinciale LN Varesotta

Master Sitee: Angiol Verones, Grafega: A. Bariatt

HOME Segreteria Provinciale Lega Nord Padania